English Francais Italian Romanian
natura

Ritorno alla nostra natura

Ritorno l'intelligenza del mondo vivo La nostra vera forza La paranormalità Conosci tè stesso Conosci i tuoi simili Un uomo per l'umanità

Dottor natura

Pianeta Terra Aria e Salute Acqua e suo potere Il mio orto curativo Una cellula un universo Contro Nuove ricerche scientifiche

Ti cura

Primo non nuocere La Medicina degli Antichi La Naturopatia La Terapia visione olistica L'arte della guarigione Malattie senza cura? Immunità Bellezza a tutti costi Rimedi Naturali Ganoderma Lucidum Massaggio terapeutico Fiori e piante nostre amiche Cordyceps sinensis

Autoguarigione

La salute nelle tue mani Autoguarigione come alternativa Psichesoma Educazione alla salute La bellezza è salute Scritti del Dott. Paolillo la vitamina b17 e il cancro Scritti di Luigi de Marchi

Terapie alternative

Coronavirus Fitoterapia La Riflessoterapia Kinesiologia applicata Osteopatia Cromoterapia Argilloterapia Irrudoriflessoterapia L'apiterapia Terapia con miele La propoli La gemmoterapia La silvoterapia Aromaterapia

Diete e alimentazione

Cosa sono gli alimenti Ricercatori storici Falsi alimenti Come combinare gli alimenti Felici con gli alimenti Troppe diete Dimagrire in modo sano Prepara la tua alimentazione Il Codex alimentare Ph acido basico Bioalimenti Antiossidanti Oli Alimenti ricchi di vitamine Dieta nelle malattie tumorali

Ganoderma

bevande integratori igiene personale

Articoli tratti dal web

letture interessanti la-dieta-senza-muco

Emails

Consigli terapeutici Richiesta informazioni

Corsi seminari

Seminario a Varese

E' vietata la riproduzione di questo materiale senza previa autorizzazione

Siete i benvenuti nella casa della natura, perchè veramente è la natura che cura!


Coronavirus COVID-19

Una squadra medica cinese riferisce il successo del trattamento dei pazienti affetti da coronavirus con vitamina C ad alte dosi.Una squadra medica del secondo ospedale affiliato dell'Università di Xi'an Jiaotong in Cina ha segnalato il successo del trattamento dei pazienti con coronavirus con vitamina C. In un comunicato stampa pubblicato sul sito web dell'ospedale, il team descrive come i pazienti che soffrono di polmonite coronarica grave, un complicanze potenzialmente fatali del nuovo coronavirus COVID-19, sono guarite dopo essere state trattate con alte dosi di vitamina C. Il team medico raccomanda che per i pazienti in condizioni critiche e quelli con polmonite neonatale grave, il trattamento con vitamina C deve essere iniziato il più presto possibile dopo il ricovero in ospedale.
Significativamente, il comunicato stampa riconosce che l'applicazione precoce della vitamina C può avere un forte effetto antiossidante, ridurre le risposte infiammatorie e migliorare la funzione endoteliale. Descrive anche come numerosi studi hanno dimostrato che la dose di vitamina C utilizzata ha molto a che fare con l'effetto del trattamento. Il team medico afferma che la loro esperienza passata mostra che la vitamina C ad alte dosi non solo può migliorare i livelli antivirali, ma soprattutto può prevenire e curare lesioni polmonari acute e difficoltà respiratoria acuta.La Shanghai Medical Association raccomanda vitamina C ad alte dosi per il trattamento del coronavirus
In un ulteriore sviluppo, la Shanghai Medical Association (SMA) in Cina ha pubblicato un consenso sul trattamento globale della malattia di coronavirus. Sulla base dello studio di oltre 300 pazienti clinici e sviluppato da 30 esperti nel trattamento della nuova polmonite da coronavirus, raccomanda una dose elevata di vitamina C per infezioni anche lievi con il virus.
La dose raccomandata nel consenso è da 50 a 100 mg per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Per i pazienti gravi e in condizioni critiche, si consigliano fino a 200 mg per chilogrammo di peso corporeo al giorno, iniettati per via endovenosa. Descritto come il "Piano di Shanghai", la SMA afferma che il suo consenso ha attirato l'attenzione diffusa, anche sulla Shanghai TV.Terapie ad alta dose di vitamina C sul punto di diventare terapia di massaRiferendo su questi sviluppi, alcuni siti Web sulla salute naturale hanno scelto di ignorare il fatto che il comunicato stampa dell'Ospedale dell'Università di Xi'an Jiaotong discute gli effetti collaterali dichiarati del trattamento con vitamina C, come il suggerimento screditato che potrebbe presumibilmente causare calcoli renali. Allo stesso modo, questi siti web non menzionano che il consenso degli esperti della SMA raccomanda anche farmaci per il trattamento del nuovo coronavirus. Mentre uno può forse capire il loro ragionamento, nel senso che questi aspetti possono sminuire il tema della salute naturale positiva della storia, non sono riusciti ad apprezzare che le terapie con vitamina C ad alte dosi sono sul punto di diventare terapia di massa. In altri termini, la medicina ortodossa continuerà ad usare droghe per qualche tempo, ma la sua invasione da parte delle vitamine è ora ben avviata.In un'ulteriore illustrazione di questo, il National Cancer Institute del governo degli Stati Uniti ha recentemente pubblicato un lungo articolo sulla vitamina C endovenosa ad alto dosaggio nella terapia del cancro. Esaminando la storia e l'uso della vitamina C nel trattamento del cancro, gli autori hanno concluso che "dati gli attuali elevati costi finanziari dei nuovi farmaci antitumorali, sembra razionale migliorare l'efficacia delle attuali terapie studiando le loro interazioni cliniche con la vitamina C." Hanno aggiunto che, a loro avviso, "l'implementazione di questo paradigma terapeutico potrebbe offrire benefici a molti malati di cancro".Non molti anni fa sarebbe stato impensabile che il National Cancer Institute degli Stati Uniti avesse scritto sulla vitamina C in questo modo. Chiaramente, quindi, come descritto nel rivoluzionario libro "Victory Over Cancer", pubblicato dal dott. Rath e dal dott. Aleksandra Niedzwiecki nel 2011, "Age of Intoxication" nel trattamento del cancro sta per essere sostituito dal " Età della regolazione cellulare ".
Una simile rivoluzione medica è in corso nel trattamento della sepsi, una condizione pericolosa per la vita derivante dalla risposta del corpo a un'infezione. La principale causa di morte tra i pazienti ricoverati in ospedale, negli ultimi 3 decenni, oltre 100 studi farmacologici non sono riusciti a migliorare i risultati clinici per i pazienti con sepsi. Oggi, tuttavia, un trattamento basato sull'uso della vitamina C sta mostrando risultati notevoli. Guidato dal Dr. Paul E. Marik, un medico di terapia intensiva presso la Eastern Virginia Medical School negli Stati Uniti, uno studio pubblicato sulla rivista Chest nel 2017 descrive come una combinazione endovenosa di vitamina C, vitamina B1 e ormone l'idrocortisone ha visto solo 4 morti tra 47 pazienti con sepsi che lo hanno ricevuto.Come dimostrano questi sviluppi, il "vitamin genie" è ora fuori dalla bottiglia. E con la consapevolezza mondiale del potere delle vitamine che crescono rapidamente, non c'è modo di trattenerlo. Negli anni a venire, l'uso della vitamina C e di altri micronutrienti diventerà sempre più comune nella medicina ortodossa. Sebbene non abbiamo ancora raggiunto il punto in cui le malattie cardiache sono ampiamente accettate dai medici come una forma precoce dello scorbuto per malattie da carenza di vitamina C, come le ricerche del Dr. Rath hanno dimostrato in modo decisivo, alla fine anche questo seguirà. Nel frattempo, inviamo le nostre congratulazioni all'équipe medica del secondo ospedale affiliato dell'Università di Xi'an in Cina. Dove hanno condotto, sicuramente seguiranno altri team medici.

Dr. Rath Health Foundation Newsletter6 March 2020


Big Pharma
"attacco finale" contro la concorrenza del Naturale


La stampa londinese e' partita all'attacco contro vitamine e minerali, citando un documento dell'autorita' alimentare, la Food Standards Agency (FSA), che a sua volta prende lo spunto da un documento elaborato da esperti, il 58 % dei quali ha dichiarato di avere legami con l'industria farmaceutica.

Le accuse: "minerali e vitamine possono causare il cancro e danneggiare il fegato" (The Times), "la gente si sta avvelenando" (Sunday Times) e "danni irreparabili" per la salute (Daily Telegraph).

Il documento arriva con tempismo ideale per l'industria farmaceutica - giusto nel momento in cui le autorita' nazionali si accingono a convertire in legge nazionale una direttiva dell'Unione Europea che regolamentera' uniformemente gli integratori alimentari. Coincide anche con attacchi simili partiti contemporaneamente in USA e Australia.

In Australia, gran parte degli integratori, realizzati da un produttore farmaceutico per conto di altri - 1350 prodotti diversi - sono spariti dalla circolazione in seguito a un pesante intervento delle autorita' australiane. Negli USA, vari articoli, pubblicati tra l'altro dal diffusissimo New York Times, mettono in evidenza possibili pericoli delle erbe e chiedono che l'FDA, l'autorita' sanitaria statunitense, limiti la loro diffusione con un deciso "giro di vite".

Si tratta, insomma, di un premeditato "attacco finale" contro i prodotti naturali che sono diventati, nel giro di pochi decenni, una durissima concorrenza per i farmaci. Milioni di persone praticano la prevenzione a colpi di integratori antiossidanti, si rivolgono alle terapie naturali e, in definitiva, non alimentano piu' quello strepitoso giro d'affari rappresentato dai farmaci. Il pensiero di queste persone e': meglio evitare i pericolosi e spesso letali effetti collaterali dei farmaci e tornare ai rimedi "caserecci", quelli naturali appunto.

I farmaci sono diventati una delle principali cause di morte - sono al terzo o quarto posto dopo il cancro e le malattie cardiovascolari - in molti dei paesi industrializzati.
(http://www.laleva.cc/petizione/italiano/ronlaw_it.html)

Non c'e' meraviglia - l'industria farmaceutica vuole eliminare questa scomoda concorrenza e ottenere il definitivo controllo della nostra salute.

Ma quanto c'e' di vero in quello che dice la stampa quando cita e chiaramente esagera gli avvertimenti degli scienziati dell'area farmaceutica? Vediamo punto per punto.

Cromo:
Prima di tutto, l'accusa "vitamine e minerali possono causare il cancro" e' ristretta, secondo le autorita', ad un solo integratore: il cromo picolinato, disponibile nei negozi in dosaggi da 0,2 fino a 0,6 milligrammi. L'FSA (Food Standards Agency) dice che "potrebbe causare il cancro". Il gruppo di esperti farmaceutici asserisce invece di conoscere due casi di morte, causata da danni al fegato e ai reni, in pazienti che avevano ingerito 7,5 milligrammi di cromo per lungo tempo: nessun caso di cancro. Secondo un altro studio scientifico non si sono riscontrati effetti negativi in persone che hanno consumato 1 milligrammo della sostanza minerale al giorno per piu' di un anno (ben 64 settimane).

Vitamina C:
L'FSA dice che dosaggi superiori ad un grammo (1000 milligrammi) al giorno possono causare dolori addominali e diarrea. Gli esperti dicono che questo effetto collaterale sia abbastanza diffuso ma che si potrebbe facilmente eliminare abbassando il dosaggio. Pero' gli stessi esperti citano due studi scientifici dove un gran numero di persone assumevano 1000 milligrammi di Vitamina C senza alcuna reazione avversa.

Calcio:
Secondo l'FSA dosi di calcio sopra ai 1500 milligrammi al giorno possono causare dolori addominali. Gli esperti dicono che questi effetti sono presenti soprattutto quando il calcio viene combinato con medicinali anti-acido e con il latte. Non si sono invece riscontrate reazioni avverse in studi dove venivano usati solamente gli integratori di calcio con dosaggi fino a 2000 mg al giorno.

Ferro:
Dolori addominali si possono riscontrare con integratori di ferro con dosaggi al di sopra dei 17 milligrammi al giorno, secondo l'FSA. Il gruppo di esperti inglese concorda, ma queste reazioni, secondo loro, sono piu' comuni a dosaggi sopra i 60 milligrammi. Gli studi scientifici invece indicano un limite piu' alto, identificando la soglia degli effetti collaterali nelle vicinanze di 2000 milligrammi al giorno.

Beta-carotene:
Il beta-carotene, secondo l'FSA, potrebbe causare "danni irreversibili". Il gruppo di esperti dice che studi scientifici non hanno mostrato alcuna tossicita' nell'uomo, perfino nelle donne incinte. Tuttavia, dei scienziati che esaminavano dei fumatori incalliti e lavoratori esposti all'amianto hanno trovato che quei soggetti avevano un tasso di cancro ai polmoni piu' alto se prendevano del beta-carotene. Dobbiamo forse concludere che il cancro non aveva niente a che fare col fumo e con l'esposizione all'amianto?

Zinco:
L'FSA dice che gli stessi "danni irreversibili" siano causati anche dallo zinco. Ancora una volta, se esaminiamo il documento degli esperti, non troviamo prove di conferma. Quello che troviamo e' che lo zinco puo' essere causa di effetti reversibili come dolori addominali, nausea e vomito. Uno studio su un campione molto limitato invece ha trovato che lo zinco potrebbe, a dosaggi estremamente elevati (mai utilizzati nella preparazione degli integratori), causare problemi di sangue nei diabetici.

Manganese:
Consumatori che prendono integratori di manganese si dovranno preparare, secondo l'FSA, ad affrontare danni irreversibili. In verita' i minatori esposti al manganese nelle miniere e i lavoratori nelle fonderie hanno contratto il morbo di Parkinson, ma secondo gli esperti questi livelli non possone essere raggiunti con gli integratori. Studi effettuati su dei volontari che ingerivano il manganese a dosaggi di 15 milligrammi al giorno non hanno trovato alcun effetto avverso.

Vitamina B-6:
L'FSA asserisce che alti dosaggi di questa vitamina possono causare una perdita di sensibilita' nelle estremita'. Gli esperti concordano, ma dicono che questi effetti possono essere riscontrati solamente a dosaggi di 2000 mg ingeriti giornalmente per un prolungato periodo di tempo. In realta' non esiste nessuno studio scientifico che conferma l'esistenza di questo effetto.

Cui bono?

Ci dobbiamo chiedere: chi trae profitto da queste "storie d'orrore" senza fondamenta scientifiche e diffuse a colpi di comunicati stampa.

Chiaramente le multinazionali del farmaco - dice il Dottor Rath in un'intervista fiume scaricabile in formato PDF dal sito Internet de La Leva di Archimede. (http://www.laleva.cc/supplements/rath/interview_italian.pdf)

Secondo Rath, l'industria farmaceutica e' interessata solo alla malattia, della quale ha fatto un vero e proprio business. Per loro, la Vitamina C e' come l'acqua santa per il diavolo. Rischia di distruggere il business della malattia una volta per tutte.
(http://www4.dr-rath-foundation.org/)

Il dottor Rath ha scoperto una proprieta' molto interessante della Vitamina C utilizzata ad alti dosaggi. Previene le malattie cardiovascolari se presa regolarmente. Rath ando' dalla Roche, multinazionale svizzera del farmaco e maggiore produttore di Vitamina C del mondo. Ha offerto la sua collaborazione nel promuovere le sue nuove scoperte e le vendite della Vitamina C. "No grazie", gli hanno risposto, evidentemente avevano altro da vendere....

L'agro-biodiversità in Italia stà morendo


Sottosezioni:

La natura ti cura
Agro biodiversità
natura