English Francais Italian Romanian
natura

Ritorno alla nostra natura

Ritorno l'intelligenza del mondo vivo La nostra vera forza La paranormalità Conosci tè stesso Conosci i tuoi simili Un uomo per l'umanità

Dottor natura

Pianeta Terra Aria e Salute Acqua e suo potere Il mio orto curativo Una cellula un universo Contro Nuove ricerche scientifiche

Ti cura

Primo non nuocere La Medicina degli Antichi La Naturopatia La Terapia visione olistica L'arte della guarigione Malattie senza cura? Immunità Bellezza a tutti costi Rimedi Naturali Ganoderma Lucidum Massaggio terapeutico Fiori e piante nostre amiche Cordyceps sinensis

Autoguarigione

La salute nelle tue mani Autoguarigione come alternativa Psichesoma Educazione alla salute La bellezza è salute Scritti del Dott. Paolillo la vitamina b17 e il cancro Scritti di Luigi de Marchi

Terapie alternative

Fitoterapia La Riflessoterapia Kinesiologia applicata Osteopatia Cromoterapia Argilloterapia Irrudoriflessoterapia L'apiterapia Terapia con miele La propoli La gemmoterapia La silvoterapia Aromaterapia

Diete e alimentazione

Cosa sono gli alimenti Ricercatori storici Falsi alimenti Come combinare gli alimenti Felici con gli alimenti Troppe diete Dimagrire in modo sano Prepara la tua alimentazione Il Codex alimentare Ph acido basico Bioalimenti Antiossidanti Oli Alimenti ricchi di vitamine Dieta nelle malattie tumorali

Ganoderma

bevande integratori igiene personale

Articoli tratti dal web

letture interessanti la-dieta-senza-muco

Emails

Consigli terapeutici Richiesta informazioni

Corsi seminari

Seminario a Varese

E' vietata la riproduzione di questo materiale senza previa autorizzazione

 Malattia mentale: la teoria dello ‘squilibrio chimico'
by Dioni

di Joseph Hall

"I neuroscienziati considerano che l'enfasi sui neurotrasmettitori come causa della malattia mentale non sia concetto scientifico, ma piuttosto una strategia di marketing farmacologico. E fa gli interessi unicamente delle aziende farmaceutiche."

Edward Shorter, medico storico presso l'Università di Toronto

Gli psichiatri hanno sempre cercato di ricavarsi una posizione all'interno della scienza medica, scimmiottando il principio secondo cui ogni malattia ha un'origine fisica. Da anni, senza uno straccio di prova, sostengono infatti che le malattie mentali derivano da malfunzionamenti del cervello dovuti a un presunto - ma mai dimostrato - squilibrio biochimico. Le loro terapie, in misura crescente, non prevedono più il lettino dello psicanalista o il manicomio, ma arrivano sui banconi della farmacia, alla portata di tutti.

Nella schizofrenia, ad esempio, era il sistema della dopamina a essere fuori posto, mentre la carenza di serotonina innescava la depressione.

Si è sviluppato un mercato di farmaci da 70 miliardi di dollari, ed è cresciuto a dismisura, con dosi giornaliere di pillole magiche che - si presume- debbano ripristinare l'equilibrio chimico dei cervelli. Le malattie mentali sono state così normalizzate e de-stigmatizzate: nessun problema; basta comprare la pillola magica.

Oggi, nelle menti di molti neuroscienziati, la teoria dello squilibrio chimico si è rivelata un mito, privo di fondamento scientifico. E le pillole sono ora riconosciute da un gran numero di esperti, così come da alcune delle case farmaceutiche, come intrugli magici. Eppure, come sostiene Shorter - ricercatore di Storia della Medicina all'Università di Toronto e autore di numerosi libri sulle pratiche psichiatriche - "in qualche modo questa notizia non è filtrata tra il pubblico nel suo complesso".

Secondo Shorter, negli ultimi anni i neuroscienziati affermano che questa enfasi sui neurotrasmettitori come causa della malattia mentale è più di un concetto utile a vendere farmaci piuttosto che un concetto scientifico. Aiuta le aziende a vendere farmaci, dando ai medici una giustificazione medica organica per prescrivere i farmaci - simile al colesterolo alto in malattie cardiovascolari o ai livelli di zucchero nel sangue nel diabete - offrendo allo stesso tempo ai pazienti una confortante ragione per prenderle. Ma in realtà nessuno sa quale sia la causa reale ed effettiva di queste malattie mentali.

Gary Greenberg, psicoterapeuta e autore, ha pubblicato un articolo sul New Yorker. "Dopo la seconda guerra mondiale - scrive Greenberg - i ricercatori hanno inanellato una serie di successi farmacologici che avrebbe rivoluzionato il mondo della salute mentale. Vennero introdotti il litio (per trattare la depressione maniacale), Torazina (schizofrenia), alcuni antidepressivi, il Librium e il Valium."

Queste scoperte però erano accidentali: si scopriva che un certo farmaco produceva un certo effetto e, a posteriori, se ne cercavano le cause. Decenni di frustrante ricerca, scrive Greenberg, hanno distrutto la teoria dello squilibrio chimico. "Non è insolito per un ricercatore in medicina, d'indagare il funzionamento di un farmaco dopo la sua scoperta. E', invece, insolita una ricerca di 50 anni che non trova niente."

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma richiedere accurate analisi mediche.

E' possibile visionare un estratto di uno dei nostri video documentari. Con più di 175 interviste ad avvocati, esperti della salute mentale, familiari delle vittime e agli stessi sopravvissuti, questo avvincente documentario smaschera la somministrazione di psicofarmaci e rivela una brutale ma ben consolidata macchina fabbrica-soldi. Visibile al seguente link:



http://www.ccdu.it/videos/making-a-killing.html

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Mail info@ccdu.org

www.ccdu.org

tratto da:

http://www.dionidream.com/malattia-mentale-la-teoria-dello-squilibrio-chimico/

natura