English Francais Italian Romanian
natura

Ritorno alla nostra natura

Ritorno l'intelligenza del mondo vivo La nostra vera forza La paranormalità Conosci tè stesso Conosci i tuoi simili Un uomo per l'umanità

Dottor natura

Pianeta Terra Aria e Salute Acqua e suo potere Il mio orto curativo Una cellula un universo Contro Nuove ricerche scientifiche

Ti cura

Primo non nuocere La Medicina degli Antichi La Naturopatia La Terapia visione olistica L'arte della guarigione Malattie senza cura? Immunità Bellezza a tutti costi Rimedi Naturali Ganoderma Lucidum Massaggio terapeutico Fiori e piante nostre amiche Cordyceps sinensis

Autoguarigione

La salute nelle tue mani Autoguarigione come alternativa Psichesoma Educazione alla salute La bellezza è salute Scritti del Dott. Paolillo la vitamina b17 e il cancro Scritti di Luigi de Marchi

Terapie alternative

Fitoterapia La Riflessoterapia Kinesiologia applicata Osteopatia Cromoterapia Argilloterapia Irrudoriflessoterapia L'apiterapia Terapia con miele La propoli La gemmoterapia La silvoterapia Aromaterapia

Diete e alimentazione

Cosa sono gli alimenti Ricercatori storici Falsi alimenti Come combinare gli alimenti Felici con gli alimenti Troppe diete Dimagrire in modo sano Prepara la tua alimentazione Il Codex alimentare Ph acido basico Bioalimenti Antiossidanti Oli Alimenti ricchi di vitamine Dieta nelle malattie tumorali

Ganoderma

bevande integratori igiene personale

Articoli tratti dal web

letture interessanti la-dieta-senza-muco

Emails

Consigli terapeutici Richiesta informazioni

Corsi seminari

Seminario a Varese

E' vietata la riproduzione di questo materiale senza previa autorizzazione

Riposarsi!

Un'ottima giornata deve consistere in: 8 ore di lavoro attivo, 8 ore di riposo attivo (sport, musica, ballare, camminare, leggere, ecc) e 8 ore di sonno. Chiaramente non possiamo pensare di mantenere questo ciclo ideale. Ma molto importante è rispettare le 8 ore di sonno, soprattutto con l'avanzare dell'età. Non vi coricate prima che siano trascorse tre ore dalla cena, comunque è bene fare una breve passeggiata prima di coricarsi.
Il sonno è uno stato naturale dell'organismo di cui il corpo ha bisogno per crescere, riposare, rigenerarsi e poter lavorare con i parametri in buone condizioni.
Memoria, attenzione, creatività, capacità di acquisire e imparare dipendono dal sonno. Il suo ruolo non è ancora pienamente compreso ma una cosa sembra chiara, se si ritiene che esso non sia necessario per l'organismo ciò significa che non abbiamo compreso appieno la sua importanza.
Durante il sonno il corpo entra in uno stato di attesa:le funzioni somatiche riducono la loro intensità, i muscoli si rilassano, i processi fisiologici si riducono notevolmente.
Nonostante questo, l'attività del cervello non si modifica in modo significativo rispetto alla veglia. Il cervello rimane in uno Stato di allerta in modo da poter regolare e tenere sotto controllo le restanti funzioni. La frequenza respiratoria e la frequenza cardiaca si riducono senza essere abolite in modo da non esporre il corpo a pericoli e allo stesso tempo per permettere il rilassamento muscolare.
Grazie al lavoro degli esperti,che hanno esaminato molto attentamente l'attività cerebrale durante il sonno, è possibile descrivere e caratterizzare le diverse fasi del sonno e osservare come il cervello risponde alla transizione tra una fase e la successiva.
Il sonno comprende due fasi: il sonno REM (Rapid Eye Movement) e il sonno non-REM.
La fase REM è caratterizzata dal quasi totale rilassamento muscolare e qualche volta si verifica il fenomeno dei sogni.
La fase non-REM è a sua volta diviso in quattro fasi; le prime due vengono definite sonno superficiale mentre le altre due sonno profondo. Negli anziani la durata della fase uno del sonno superficiale aumenta al contrario la durata del sonno REM e le ultime due fasi di sonno profondo sono ridotte, per sparire completamente nelle persone oltre novant' anni.
Il bisogno di dormire varia notevolmente a seconda dell'età: 18 ore per un neonato, 7-8 ore per un adulto. I bambini e gli adolescenti hanno bisogno di più sonno rispetto agli adulti;gli esperti stimano che in media i bambini di età compresa tra 5-12 anni richiedono 9-11 ore, gli adolescenti 8,5-9 ore di sonno ogni notte.
La spiegazione può essere rappresentata dal fatto che l'organismo dei bambini è in continua crescita e durante il sonno vengono liberati gli ormoni della crescita. Inoltre il sonno non-REM sembra avere funzioni anabolizzanti che influenzano positivamente la funzione immunitaria,il sistema nervoso, lo sviluppo scheletrico e dei muscoli.
L'organismo di un giovane adulto sano ha bisogno per funzionare al massimo di circa 7-9 ore di sonno ogni notte mentre per adulti e anziani è necessario dormire circa 7-8 ore ogni notte.
Con il passare del tempo si modifica la qualità di sonno, non la durata. Nonostante gli anziani si sveglino più volte durante la notte, diminuendo cosi la quantità totale di sonno, la necessità di sonno è quasi identico a quello degli adulti.
Nel caso in cui l'organismo sia privato del sonno per un certo periodo, si accumula un "debito sonno". In un individuo che dorme poco di notte per diversi giorni o addirittura settimane di fila iniziano a manifestarsi diversi problemi fisici, mentali e psico-emotivi; la persona può diventare irritabile, e il suo stato di allerta diminuisce notevolmente.
Nell'organismo la privazione del sonno interferisce con la secrezione degli ormoni che influenzano la veglia e lo stato di allerta, soprattutto il cortisolo.
Fino ad ora è stato stabilito un limite massimo tollerato per la mancanza di sonno: esso sembra dipendere in generale dalle ore mediamente dormite dall' individuo. A prescindere da questi fattori, è evidente che se l'organismo viene privato del sonno per un po' di tempo, lo stesso dovrà essere recuperato.
Molti studi dimostrano che esiste un legame importante tra il sonno e alcuni problemi di salute cronici;i disturbi più comuni che influenzano i parametri del sonno sembrano essere ipertensione, insufficienza cardiaca, malattia polmonare o disturbi depressivi.
La privazione del sonno sembra influenzare la capacità dell'organismo di utilizzare l'insulina, regolatrice del diabete, portando al diabete di tipo 2, inoltre diminuisce la secrezione ormonale e può aumentare il rischio di obesità.
L'obesità si verifica dal fatto che gli affetti da privazione di sonno intervengono in modo negativo su importanti processi metabolici, in particolare sull' assorbimento di carboidrati. A sua volta l'obesità riduce il benessere fisico provoca apnea durante il sonno,alterandone la qualità.

DR. Helene P.


Sottosezioni:

Autoguarigione come alternativa
01 conosci te stesso02 respira03 bevi acqua04 mangia semplice05 riposati06 rispetta la vita07 rimani in contatto con la natura08 pensa positivo
natura